Skip to content

Raccontare

19 febbraio 2015

L’altro giorno, mentre giravo con il carrello fra le corsie affollate del supermercato, guardavo la gente che avevo intorno.

Come sempre mi sono ritrovato a fantasticare sulle loro storie; una signora di mezza età comandava a bacchetta il marito mentre una ragazza giovane, altissima e magrissima, faceva la spesa vestita con un gusto che definire “dubbio” è fargli un complimento (per la cronaca: sandalo tacco 15 leopardato con calzino, jeans al polpaccio e giacchino smanicato di pecora barbagina a pelo lungo).

Una mamma rincorreva i quattro figli ai quattro angoli del supermercato mentre tra i banchi della verdura un marito si aggrappava al carrello con aria sconsolata mentre la moglie sceglieva con cura certosina ogni singolo fagiolino.

Mi domandavo come sarebbe bello sapere raccontare le loro storie a parole, essere bravo come Jane o Lucia oppure saperlo fare con le immagini, come Francesco.

Certo, non posso mica essere invidioso del loro talento che sicuramente è in parte naturale ed in parte affinato da anni di duro studio.

Il problema è che quella troia di madre natura non mi ha donato alcun talento e nemmeno un paio di secoli di studio potranno far germinare un seme che non c’è.

Uffi.

30 commenti
  1. 19 febbraio 2015 11:16 am

    Non è che il mondo sia pieno di scrittori di talento, sia chiaro. Detto questo, ognuno ha il suo. Poi c’è pure chi sulla scrittura investe anche del tempo, ripeto ci vuole talento ma anche esercitazione. Come per tutto. Un briciolo di autostima a volte comunque non guasta.

    Mi piace

    • 19 febbraio 2015 11:58 am

      L’autostima.
      Conosci qualcuno che possa prestarmi un paranco, ben robusto, per tirarmela su?😀

      Mi piace

  2. 19 febbraio 2015 5:29 pm

    C’e’ così tanta gente in giro che non c’ha un cazzo di briciolino di talento, e marcia tronfia, sicura di essere il miglior dono che dio ha fatto al mondo, che s’e’ creata un impero sull’assenza di talento, sbattendosene della proprio dignità, o meglio ridefinendo i proprio standard di dignità… Tu sei quasi l’estremo opposto!!
    Per quanto riguarda lo scrivere, e centinaia di altre “attività” intellettuali o fisiche, “practice makes it better”… Dovresti fare una cura intensiva di americanismo!!!😉

    Mi piace

    • 19 febbraio 2015 11:43 pm

      Beh, almeno sono all’estremo “giusto” perché se mi dovessero un giorno dire “sei diventato un pallone gonfiato” mi andrei a gettare dalla rupe Tarpea per quanto odio questo tipo di persone.
      Comunque davvero no, credo che per quanto uno si eserciti non possa migliorare più di tanto. Se non c’è un vero talento sottostante c’è poco da fare.

      Mi piace

      • 20 febbraio 2015 12:20 am

        E’ vero, se non c’e’ vero talento non potrai mai diventare Leonardo da Vinci, o Dante Alighieri, ma nemmeno JK Rawlings… ma c’e’ anche spazio per chi sta nel mezzo, dai! Mi stai a ragionare in bianco e nero, ma ci sono tante sfumature (stavo quasi per dire cinquanta…) di grigio nel mezzo, tra talento geniale e Moccia… Ti faccio un esempio personale banalissimo: qui conosco tantissime persone che hanno nel loro giardino un orto, c’e’ che ce l’ha grande bellissimo, che produce di tutto, c’e’ chi ce l’ha piccolo, ma sempre molto produttivo, e tutti gli anni io ho provato a far crescere qualcosa, ma niente, ho sempre ammazzato tutto più o meno nel giro di poche settimane… Un’invidia per quei bellissimi e saporitissimi pomodori, zucchine, cetrioli… e l’anno scorso, finalmente, dopo tanti tentativi infruttuosi (proprio!), sono riuscita ad avere 6 piante di pomodoro (in vaso) che hanno dato i loro frutti. Provo sempre un’invidia colossale per gli orti degli altri, ma sono fiera di quanto sono riuscita a fare. Be’, forse non calza troppo l’esempio, ma per me il giardinaggio e’ un talento, il pollice verde e’ una dote… Posso competere con questi che in un clima come il nostro, in un terreno come il nostro crescono di tutto? No, ma posso sempre continuare a migliorare la mia capacita di giardiniera principiante…
        Ma chi ti ha “bastonato” cosi tanto nella vita, per farti essere così carente di auto-stima?
        Per quel poco che conta, io ti leggo (e vedo molti altri….)
        In un certo senso, sei una boccata d’aria fresca, in una societa’ piena di persone che hanno perso completamente ogni contatto con la realtà e si considerano “il top”…

        Mi piace

      • 20 febbraio 2015 12:47 am

        Non mi metterò certo a fare un elenco ma sappi solo che è lungo😉
        Per quanto riguarda l’orto, magari i tuoi vicini barano ed usano quantità industriali di concimi e fitofarmaci o addirittura comprano la verdura al mercato e poi ti dicono di averla coltivata loro😉
        Comunque grazie

        Mi piace

  3. 19 febbraio 2015 8:33 pm

    hai detto una sciocchezza, secondo me. Tutti hanno dei talenti.
    C’è chi ha il talento per la scrittura, chi per la fotografia, per la musica, per le scienze, per l’economia, per l’imbroglio, per rubare, per parlare in pubblico, c’è anche chi ha un particolare, spiccato talento per lo scassamento dei maroni altrui…
    Io dico che hai anche tu dei talenti. Devi solo individuarli, invece di sottovalutarli.
    Non ti immagino come uno con l’ultimo dei talenti da me citati, il che mi sembra già un talento.
    Al momento mi vien da dire che hai più talenti di me.
    Ma oggi è una brutta giornata😉

    Moky ha ragione

    mezzastrega

    Mi piace

    • 19 febbraio 2015 11:37 pm

      Cara Mezzastrega mi dispiace per la tua brutta giornata. Spero che sia migliorata verso la fine, o che migliori presto.

      Bada, non dico di non aver alcun talento, solo che probabilmente non ho quelli che mi piacerebbe avere.

      Comunque ti potrà interessare sapere che anche a me dicono spesso che abbia un talento particolare per rompere i coglioni al prossimo.
      In realtà mi piacerebbe anche sapere quali siano gli altri.

      Mi piace

      • 20 febbraio 2015 12:10 am

        dipende da chi lo dice. Il mio capo, anche quando non si esprime, lo pensa intensamente. Però senza di me sarebbe nella…ehm… in difficoltà.
        Cioè si può rompere in modi diversi… ok così mi incarto, lasciamo perdere.

        In ogni caso… smetti di far finta, su! tu sai quali sono i tuoi talenti, solo che fai il timido!
        (ed il pezzo risulta più simpatico)

        E se di quelli sei dotato, un motivo ci sarà…

        Mi piace

      • 20 febbraio 2015 12:44 am

        Non ci crederai ma è vero; non so quali siano veramente i miei talenti.
        Sono certo però di quali vorrei avere.
        Poi rimane pacifico che non si è mai le persone più qualificate per auto-giudicarsi.

        Mi piace

  4. 20 febbraio 2015 8:25 am

    Io sono bravissima a scovare i talenti altrui… o certe cose della mia vita proprio non si spiegherebbero…
    ti offro una consulenza😀
    Però devi avere il coraggio di raccontarti ad una mezzastrega😉

    Un paio di persone alle quali voglio molto bene (e di cui mi fido) ti direbbero che invece dovresti essere proprio tu a giudicare te stesso, senza essere troppo severo e che, forse, proprio perché pensi ai talenti che vorresti avere, non trovi quelli che hai.

    Mi piace

    • 20 febbraio 2015 8:32 am

      I tuoi amici non hanno completamente torto.

      Son sicuro che sei brava, non saresti una Mezzastrega, no?
      Comunque sappi che io non ho bisogno di coraggio per raccontarmi a chicchessia; sei tu casomai quella a cui serve per sopportare il mio racconto😉

      Mi piace

      • 20 febbraio 2015 11:18 am

        ahahah
        coraggio per sopportare il tuo racconto… io ho anni ed anni di esercizio! E’ un effetto collaterale del mio lavoro.
        Se davvero non hai problemi… mi complimento. E’ piuttosto raro che si sopportino l’intuito, il saper cogliere i dettagli, il fare da specchio e la feroce sincerità tutto insieme…

        Mi piace

      • 20 febbraio 2015 11:36 am

        Scusa, per quale altra ragione uno dovrebbe raccontarsi ad un’altra persona se non per confronto, ottenere franche opinioni e mettersi in discussione?
        Forse per sentirsi dire quanto si è bravi o belli? Per questo ci sono gli specchi di vetro, no?😉

        Mi piace

      • 20 febbraio 2015 12:56 pm

        per dare aria alla bocca?
        Per ascoltarsi parlare di sè stesso?
        Anche per ottenere in cambio un comodo silenzio…

        Non lo so, sinceramente. Dovresti chiederlo agli “amici” che ho perso ultimamente, troppo offesi dalle mie opinioni (ruvide, lo ammetto).

        Mi piace

      • 20 febbraio 2015 1:18 pm

        Meglio ruvide opinioni sincere che lisce falsità, no?
        (ma capisco possa non valere per tutti)

        (se mi passi i nominativi posso chiederglielo direttamente, però mi interrogherei sugli “amici” che sono scappati per così poco)

        Liked by 1 persona

      • 20 febbraio 2015 2:47 pm

        infatti ho scritto amici tra virgolette.
        Con l’anno nuovo, e soprattutto per le riflessioni sulla morte di mio nonno, ho deciso che voglio qualità. Per questo lascio andare. Anzi forse indico proprio la direzione.
        Ultimamente penso che sia una questione anche di educazione ed abitudine. La falsità non è mai stata ammessa nella mia famiglia, e ho cominciato presto a guardarmi per benino. Quindi è da un pezzo che analizzo il bene ed il male che mi compongono e ho deciso tanto tempo fa di non fuggire davanti a questo, ma invece di lavorarci, di studiare e capire. La consapevolezza non è così diffusa, perché non è molto comoda. O almeno questa è una delle spiegazioni che mi son data.

        I nominativi qui in pubblico non li posso mettere🙂

        Alla fine… chi resta vale😉

        Mi piace

      • 20 febbraio 2015 3:44 pm

        Ci troviamo d’accordo su questo. Ci vuole qualità invece che quantità.
        Purtroppo osservando chi mi sta vicino; parenti ed amici, noto con terrore una certa propensione a privilegiare la quantità; della serie “sto invecchiando, il tempo passa, meglio molti “amici” che nessun Amico” oppure “meglio una relazione zoppa e problematica che nessuna relazione e la solitudine”.
        Ora, siccome so cosa vuol dire tirare una relazione per le lunghe pur di non ammettere l’evidenza, siccome so quanto fa male, mi sono ripromesso di non cascarci più.
        Il problema è che ho un terrore fottuto di non riuscire a rimanere forte e di finire per accontentarmi, sia nel campo degli amici che in quello sentimentale.
        Per questo ho bisogno di opinioni sincere: se doveste vedere che mi sto accontentando, per favore prendetemi a calci in culo!

        Oh, se non vuoi farli in pubblico puoi sempre farli in privato😉

        Mi piace

      • 20 febbraio 2015 4:48 pm

        non sono capace😀

        Mi piace

      • 20 febbraio 2015 9:12 pm

        ma potresti insegnarmi

        Mi piace

  5. donna allo specchio permalink
    20 febbraio 2015 11:16 am

    ma che mi combini alex? mi deprimi !!!! io ti cito a casa come una delle persone più brillanti e intelligenti che conosca e tu ti butti giù cosi !!!! (a volte penso che il biondino arrivi pure ad essere geloso tanto ti metto d’esempio …) Tirati su immmediatamente, raccontati alla strega altri respiri di cui sopra o a sorella anna (sorella non per suora mi raccomando), trova una soluzione, ma supera questo momento per favore

    P.S. Il talento per rompere è comune, ma quello chi non ce l’ha

    neppure io so quali sono i miei talenti, sono troppo impegnata a cercare di cambiare lavoro per pensarci, so cosa non sono i miei talenti

    Mi piace

    • 20 febbraio 2015 11:38 am

      Che ci vuoi fare, scusami.
      E’ un momento un po’ grigio… Forse perché non viaggio da tre mesi o forse per il le giornate buie e corte🙂

      Rimedio al più presto, ok?

      PS = in bocca al lupo per la tua ricerca!

      Mi piace

  6. valeriscrive permalink
    21 febbraio 2015 5:13 am

    a me e’ sempre piaciuto il tuo stile.

    Mi piace

  7. angelina66 permalink
    21 febbraio 2015 6:22 pm

    Non offendere madre natura, anche perchè ti si legge con piacere, e in ogni caso i talenti si affinano, volendo.

    Mi piace

    • 21 febbraio 2015 6:44 pm

      Madre Natura per fortuna ha molto senso dell’umorismo😉
      Grazie😉

      Sono d’accordo: i talenti si affinano; ad averne😀 (e comunque mi ripeto , pare non abbia quelli che desideravo)

      Mi piace

  8. 8 marzo 2015 4:29 pm

    a me piace molto come scrivi. poi non entro nel merito dell’autostima perché mi sono rotta le scatole a commentare sempre dicendo che sei una delle persone che stimo di più e che secondo me sei in gambissima e hai un sacco di talenti. Tanto ci fosse una volta che mi stai a sentire…😛

    Mi piace

  9. 9 marzo 2015 2:05 am

    Confondi la causa con l’effetto! Da uno scienziato come te non me lo sarei aspettato😉

    Mi piace

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: