Skip to content

Modalità “Grinch”: ON

15 novembre 2014

Sarà che le feste si avvicinano ed a me mettono il nervoso visto che non capisco cosa ci sia da festeggiare.
Sarà che le feste si avvicinano ed a me mettono il nervoso visto che non mi va di sentirmi obbligato ad essere felice e contento visto che non capisco cosa ci sia da essere felici e contenti.
Sarà che mi capitano cose per le quali non c’è da essere né felici e né contenti.

Insomma, il Grinch si è di nuovo impossessato di me e sono giorni che covo questo post.

Il problema è che se lo scrivo passerò per il solito pessimista, brontolone e rompicoglioni ed io avevo fatto il fioretto di sforzarmi di essere positivo e smettere di lamentarmi; primo perché le persone così sono noiose secondo perché chi è pessimista non coglie nulla delle cose positive della vita: s’infila in un imbuto nero e non ne esce più.

Però poi gli eventi e le persone che ti stanno intorno ti trascinano nel campo del pessimismo e non si può ignorare queste cose a lungo anche perché, almeno a me, viene un fegato grosso come una zampogna.

Insomma, tra tutte le cose che mi stanno sulle palle, un recente evento è stata l’ennesima goccia che ha fatto traboccare il vaso e forse ho finalmente trovato il modo per buttare fuori una cosa in particolare che ho sullo stomaco da anni.

Forse ho tentato già di scriverla e non mi sono spiegato bene, forse l’ho già fatto e l’ho spiegata bene ma sento il bisogno di farlo di nuovo, sperando in un effetto catartico, come quando uno rimette la cena e poi si sente meglio.

Allora.

Non posso dire di avere una vita solitaria. Magari è una fortuna, magari no. A me piace conoscere persone e mantenere buoni rapporti con tutti quelle persone che reputo meritevoli.

Mi spiego: non ho la vocazione del crocerossino; le persone che reputo antipatiche, ipocrite, approfittatrici etc. le elimino senza pietà dalla cerchia delle mie conoscenze.

La vita è breve e non vale la pena di perderla dietro a queste persone.

Insomma dicevo che conosco più o meno bene moltissime persone tra parenti, amici, colleghi, conoscenti, etc.

Tra loro ovviamente anche moltissime donne; alcune belle altre no. Alcune intelligenti altre meno. Alcune belle o bellissime.

Tra di loro anche alcune (a dire il vero pochissime) che rispondevano ad un mio personalissimo cliché che le qualificava come “più interessanti delle altre” ed alle quali ho manifestato palesemente il mio “interesse”, con risultati (specialmente negli ultimi anni) disastrosi.

Questo per dire che ciascuno di noi ha il suo personalissimo cliché in testa riguardo alle relazioni interpersonali, una sorta di immagine-tipo e consideriamo le persone come degne di attenzione quando queste corrispondono a tale immagine.

Ebbene è da un po’ di tempo che tra le donne che conosco, più o meno da vicino, non sento altro che lamenti sul fatto che sono sole, che hanno troncato relazioni che magari consideravano pure “importanti” perché il loro uomo non era come si aspettavano, che aveva questo o quello che non andava e che, insomma, lo ha reso un “ex”.
A corollario vari luoghi comuni sul fatto che “gli uomini sono tutti uguali“, che “non ci sono più uomini veri” e che “tanto sono tutti stronzi“.

Non voglio certo negare il fatto che vi siano uomini spregevoli in giro, purtroppo è tristemente vero ed in vari livelli di spregievolezza, dal cornificatore per finire ai subumani che picchiano ed uccidono. Nessuna giustificazione per queste merde.

A queste vergini sole (o sóle ?) però vorrei offrire uno spunto di riflessione: se tutti gli uomini che incontrate ed a cui offrite la vostra fiducia (mi astengo da battute triviali) si rivelano degli emeriti stronzi, inaffidabili o peggio, non è che forse dovete cambiate il tipo di uomini a cui rivolgete le vostre attenzioni? Non è che il vostro cliché è sbagliato?

Io mi sto sforzando, visti i risultati pessimi, di ripensare ai criteri del mio cliché ma anche voi donne pensateci per favore.

13 commenti
  1. 15 novembre 2014 11:43 pm

    Caro Grinch
    Per rispondere alla parte iniziale del tuo post, le feste dell’inverno se le sono inventate gli antichi per consolarsi quando c’è questo tempo di merda e la mancanza di sole ti deprime.
    Qui a Lucca manca solo che mettano le corsie per il nuoto a piazza anfiteatro

    Mi piace

  2. ondalunga permalink
    16 novembre 2014 11:54 am

    Mi trovi d’accordo. Comunque da donna, con amiche donne e a conoscenza di fatti tra il surreale e grottesco, ti dico che non è questione di clichè ma che spesso le persone si rivelano delle autentiche sòle.

    Mi piace

    • 16 novembre 2014 5:10 pm

      Certo.
      Però se tutti quelli a cui ti avvicini sono così, forse bisogna iniziare a pensare di puntare solo alle persone sbagliate!

      Mi piace

  3. donna allo specchio permalink
    16 novembre 2014 2:26 pm

    concordo anch’io, e con tutti e due. Spesso c’è una parte di cliché, spesso è questione di fortuna e spesso le persone si rivelano delle sole

    Mi piace

  4. donna allo specchio permalink
    16 novembre 2014 2:31 pm

    comunque non bisogna mai perdere la speranza … (te sulle donne , io e molti altri sul lavoro, ), non si sa mai che un giorno il vento giri, per cliché riveduto, per un pizzico di fortuna, o perchè ci sta quell’evento fortuito (essere al momento giusto al posto giusto) il fatidico cambiamento per tutti noi arriverà.

    Mi piace

  5. 16 novembre 2014 8:34 pm

    In effetti, le feste sono diventate anche un pacco, e non parlo di regali… pero’ avendo figli, io riesco ancora ad apprezzare quel poco di “magico” che mi riporta alla mia infanzia… Per quanto riguarda il discorso donne/cliche’ affettivi/lamentazioni, sono d’accordo: continuare a ripetere gli stessi errori aspettandosi risultati diversi, come ad esempio, dare la propria “fiducia” e attenzioni alla stessa tipologia d’uomo che già t’ha deluso, e’ sintomo di pazzia o come minimo di essere illuse… poi pero secondo me, dovrebbero anche cambiare le aspettative perché comunque la ricerca dell’anima non dico gemella, ma quella un po’ in sintonia, diventa esponenzialmente più difficile più si “invecchia”, perché si e’ meno flessibili e con ogni anno che passa, si diventa più cinici…
    Io ad esempio, se dovessi essere alla ricerca di un uomo in questo momento, avrei delle difficoltà enormi…. non perché non ci sono uomini interessanti, fisicamente apprezzabili, etc. ma perché sono io che sono diventata difficile e schizzinosa… pero’ non mi lamenterei🙂

    Mi piace

  6. angelina66 permalink
    16 novembre 2014 8:49 pm

    Che alcune donne siano delle masochiste pure non ci piove. Ma a parte qualche caso estremo, credo che chi dice che gli uomini sono tutti stronzi (o le donne tutte tr***) non si prende in fondo troppo sul serio: sono cose che si dicono, spesso senza reale convinzione, per avere cose da condividere con le proprie/i propri sodali e riceverne una pacca sulla spalla, e magari giustificare la solitudine, che nelle dinamiche di gruppo e’ poco accettata. Pazienza per quelle/quelli che ci credono veramente e si immedesimano nel personaggio fino a non essere piu’ in grado di uscirne. Il mondo e’ pieno di gente che si mette in gioco, per fortuna.

    Mi piace

    • 16 novembre 2014 10:14 pm

      No no, fidati. Queste son persone convintissime. Le battute messe li tanto per dire sono un’altra cosa.

      Mi piace

  7. 23 novembre 2014 10:05 pm

    :*

    Mi piace

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: