Skip to content

Non ne posso fare a meno

13 aprile 2010

Non posso fare a meno di ripubblicare qui questa lettera apparsa su un altro blog e riportata anche da molti gruppi su facebook

Egregio Presidente del Consiglio Cav. Silvio Berlusconi,
mi rivolgo a lei da cittadino Italiano malato di cancro che dopo aver visto morire entrambi i propri genitori prima, e numerosi amici dopo, ha ancora la fortuna di trovarsi in vita, ciò non mi esime dal rammaricarmi profondamente per le sue parole espresse in data20 Marzo 2010 a proposito della sconfitta del cancro entro tre anni.
Intendiamoci bene, non certo perché non voglio, io come milioni di persone nel mondo, che sia sconfitto il peggior male di sempre, un male che procura i brividi e incute timore solo a pronunciarne il nome, anzi, ma semplicemente perché ritengo le sue parole oltre che semplice e pura propaganda, estremamente offensive nei confronti di chi questo male lo vive sulla propria pelle, sia esso malato o oncologo.
Signor Presidente del Consiglio lei si chiederà perché scriverle oggi e non subito, perché aspettare giorni, la risposta è semplice, o meglio, le risposte Presidente, sì perché le risposte semplici sono due. In primis, ero troppo adirato per esprimermi correttamente e raffinatamente, senza lasciarmi andare a improperi che la sua figura istituzionale non dovrebbero meritare, la seconda è che speravo, mi auguravo, un suo ripensamento, un tentativo di commento, di delucidazione tale da mascherare almeno agli occhi del mondo oncologico, quella che nient’altro era che l’ennesima enorme stupidaggine mascherata da meschino proclama politico.
Cav. Silvio Berlusconi, lei ha abituato il mondo intero alle sue frasi “d’effetto e poco oculate” in realtà il termine corretto sarebbe stupide, sciocche, meschine, ma poiché Cav. Silvio Berlusconi lei è, purtroppo e nostro malgrado, il Presidente del Consiglio Italiano, ho usato una terminologia più consona alla figura istituzionale che lei rappresenta. Il mondo intero dicevo ride o si indigna alle sue frasi D’effetto che non risparmiano nessuno, istituzioni, cittadini Italiani e stranieri, politici nostrani ed autorevoli membri del parlamento Europeo.
Il mondo intero conosce la sua arroganza, la sua falsità, e sa bene che ella per appesantire le sue bugie non avversa giurare sui suoi figli, d’altronde ritengo non sappia e non voglia conoscere neanche lontanamente quello che è il valore del rispetto della verità e di un giuramento o di una semplice promessa.
Ciò detto Cav. Silvio Berlusconi, ripeto lei è il Presidente del consiglio Italiano, non può quindi permettersi simili infantili atteggiamenti e l’averci abituato a essi, non la esime dal chiedere scusa o dal porvi rimedio.
Ed è proprio a tal proposito che le chiedo di riflettere, di comportarsi per una volta nella sua vita da uomo delle istituzioni e non da pubblicitario, vuole sconfiggere il cancro? È così pieno di se da credere che i ricercatori che hanno dato tutta una vita allo studio di una cura non sapessero fare il proprio mestiere e che nulla può il mondo oncologico senza l’aiuto di Silvio Berlusconi?…
Bene Signor Presidente del Consiglio, allora ci dimostri le sue capacità, la sua creatività, la sua intelligenza, inizi con il ridare i fondi alla ricerca che il suo governo ha tagliato, anzi, dimostri la sua grandezza, li aumenti come mai nessun governo ha fatto sin ora, magari prendendo i fondi dallo stipendio dei parlamentari, così da coinvolgere il mondo politico tutto in questa battaglia.
Indica una ricerca su quelle che sono le maggiori cause di cancro nell’uomo, e quando avrà scoperto che quel che si dice da decenni è vero, che quel che urla Beppe Grillo nelle piazze, quel pazzo personaggio da spettacolo come lo definisce lei e la sua maggioranza, guarda caso, ha ragione, beh allora inizi a rispettarlo quest’ambiente.
Faccia non uno, ma dieci passi indietro sul nucleare, poiché oltre ad inquinare l’ambiente con scorie radioattive, non ha neanche alcun vantaggio monetario, è oramai una tecnologia vecchia, antiquata, superata, faccia rientrare il premio nobel per la fisica Carlo Rubbia sostenitore di centrali solari termodinamiche a concentrazione desertiche (Csp, concentrated solar power) in grado di produrre e inviare centinaia di giga watt di potenza fin nel nord-Europa, oltre a soddisfare i consumi locali, pensi a quanto potere,… “ Silvio Berlusconi, l’uomo che ha cambiato le sorti dell’energia mondiale”.
Faccia sì che i nostri figli non mangino mozzarelle di bufala alla diossina, oltre ad avere un sapore disgustoso fanno venire il cancro, e allora rialzi il grande enorme tappeto campano sotto cui ha buttato tutti i rifiuti; sono quelli che fanno venire il cancro, se impegni a promuovere una VERA raccolta differenziata e a fare VERI termovalorizzatori funzionanti, oltre ad aver dato una mano a sconfiggere il cancro scoprirà che con i rifiuti ci si può anche fare del denaro.
Ed infine se mi posso ancora permettere un suggerimento Sig. Presidente del Consiglio, lasci stare la lotta con la magistratura, i giudici non l’hanno con lei, ma con la sua disonestà,con i suoi reati, promulghi leggi che condannino in modo ineccepibile lo smaltimento abusivo di rifiuti tossici, dimostri di avere veramente a cuore la salute dei cittadini Italiani e dia un segno di ravvedimento, magari eliminando quelle leggi che per salvare lei e i suoi adepti cala come una mannaia sui processi in corso per disastro doloso, permettendo di fatto ai responsabili di migliaia di morti per cancro di farla franca in nome del Dio denaro e del Dio Berlusconi.
Vede Sig. Presidente del Consiglio? Ne avrebbe solo da guadagnare, supererebbe per notorietà anche il Presidente degli Stati Uniti, passerebbe alla storia non come il peggior Presidente Italiano mai esistito, ma come Il miglior presidente del mondo.
So bene Sig. Presidente Silvio Berlusconi che questo non accadrà mai, che lei è abituato a censurare tutto e tutti, anche se stesso, (visto che lei non legge i giornali, non si informa, e vuole leggere esclusivamente ciò che da solo si scrive) non leggerà mai questa missiva e che soprattutto dovesse ciò accidentalmente accadere non ha le facoltà mentali per poterne cogliere il significato.
Se le è apparso che i toni utilizzati in questa messaggio scritto siano irriverenti me ne scuso, poiché non volevo essere irriverente nei confronti dell’istituzione da lei rappresentata, altresì ho dovuto trattenere l’irritazione e la collera che provo verso la sua persona, che disprezzo profondamente, avendo ella tutti i peggior difetti che un uomo possa avere, la mia irriverenza è da indirizzare quindi esclusivamente alla sua persona, mentre il mio più profondo disappunto politico al suo governo del fare.. fare esclusivamente gli interessi propri e degli adepti, passando sopra tutto e tutti, anche sulla sofferenza provocata da una terribile e mortale malattia quale il cancro.
Con la più totale e assoluta disistima
Gaetano Cinnirella

Annunci
11 commenti
  1. rurinedda permalink
    13 aprile 2010 12:46 pm

    Cinnirella, sei un grande!! 😉
    Un abbraccio a tutti quelli che, in modo diretto o indiretto, vivono da vicino queste tragedie….

    Mi piace

  2. 13 aprile 2010 1:32 pm

    Una lettera semplicemente perfetta.
    La linkerò anch’io su facebook.

    Mi piace

  3. 13 aprile 2010 5:57 pm

    …..
    e il tag è ‘parole al vento’…e c’hai ragione, purtroppo.

    Mi piace

  4. 13 aprile 2010 6:56 pm

    semplicemente perfetta!

    Mi piace

  5. angelina66 permalink
    13 aprile 2010 11:39 pm

    Magnifica lettera, sottoscrivo tutto e faccio gli auguri al signor Cinnirella, i suoi pensieri sono quelli di molti di noi

    Mi piace

  6. 14 aprile 2010 3:56 am

    ormai Mr B. e’ perso…. dobbiamo solo aspettare che passi a miglior vita, sperando che il sistema corrotto che ha creato non gli sopravviva…

    Mi piace

  7. 14 aprile 2010 3:37 pm

    fantastica!

    Mi piace

  8. valeriascrive permalink
    14 aprile 2010 10:03 pm

    😦
    sarebbe da riempirlo di botte.

    Mi piace

  9. monacoeventi permalink
    15 aprile 2010 2:40 pm

    Wow, questa sì che è una lettera … anche io sono rimasta allibita alla notizia sulla cura del cancro entro tre anni … soprattutto detta da uno che ha iniziato a fare i soldi costruendo quartieri interi in zone di periferia altamente inquinate fregandosene totalmente delle povere famiglie che ci sarebbero andate ad abitare …. il cancro ormai è una malattia talmente diffusa che ogni cittadino dovrebbe sentirsi indignato da un’affermazione del genere …

    Mi piace

  10. 15 aprile 2010 3:17 pm

    Ah, ops, il post precedente era poi sempre mio, ma da un altro blog… 🙂

    Mi piace

    • 15 aprile 2010 6:17 pm

      Nessun problema…
      Ti dirò, me l’ero pure immaginato fossi tu.

      Mi piace

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: