Skip to content

Rotolarsi per terra dalle risate

29 maggio 2009

Monta l’intrigo di Obama contro Silvio

L’ipotesi del “complotto” internazionale ai danni del presidente del Consiglio inizia a farsi largo anche tra chi non ha grandi simpatie per Silvio Berlusconi. Tipo Lucia Annunziata, che ieri sulla Stampa ha parlato del possibile “complotto Bilderberg”: un club dei potenti della terra che si riunisce ogni anno sotto la guida spirituale di Henry Kissinger e traccia l’indirizzo che dovrà prendere il mondo nei dodici mesi seguenti. Inutile dire che l’impronta del circolo è spiccatamente anglosassone. Tanto più lo è stata quest’anno (l’incontro è avvenuto a cavallo della metà di maggio), grazie alla presenza di numerosi plenipotenziari della diplomazia statunitense. E visto che il governo italiano è visto a Washington come la testa di ponte mediterranea della Russia di Vladimir Putin e Dmitry Medvedev, la quale oggi è ai ferri corti con gli Stati Uniti tanto quanto lo era ai tempi di George W. Bush, la voglia di tirare le somme e dire che per la Casa Bianca (e per il “circolo Bilderberg”) Berlusconi è un ostacolo da rimuovere è forte.

Questo articolo pubblicato su Libero (e dove sennò!) ha del surreale. L’ego di papi è talmente smisurato che adesso crede di essere il fulcro di chissà quale importante affaire, talmente scomodo da richiedere addirittura un complotto per la sua deposizione!.
Dopo D’Alema finanziatore di dittatori con Telekom Serbia (ma era Bossi che andava a baciare il culo a Milosevic), Prodi agente nientepopodimenochè del KGB, le famigerate toghe rosse sempre pronte a dargli addosso, e gli oscuri manipolatori (di sinistra ovviamente) che gli hanno traviato la moglie, ora è il turno di quel cattivone di Obama.

Non sa più cosa inventarsi per suscitare empatia e compassione nel popolino!

Vedremo forse i Navy SEALS assaltare palazzo Grazioli? I B2 della USAF bombardare villa Certosa? Ghedini sottoposto al waterboarding per farlo confessare? Papi deportato a Guantanamo?

Rassegnati papi, la verità è che Obama non ti caga nemmeno di striscio!

Annunci
17 commenti
  1. fabio r permalink
    29 maggio 2009 8:25 pm

    rofl praticamente…. Libero, sì, di sparare cazzate!

    Mi piace

  2. dancin' fool permalink
    29 maggio 2009 10:23 pm

    io non so più che dire. vorrei tapparmi gli occhi e le orecchie e… non abitare qui?? (il mio commento mi sa che verrà mangiato dallo spam! again and again…)

    Mi piace

  3. 29 maggio 2009 10:25 pm

    sorry adblues, ti uso come cavia per capire se senza apostrofo il commento verrà graziato… ma dimmi tu! non riesco più a commentare su wordpress!

    Mi piace

  4. 29 maggio 2009 10:35 pm

    FabioR: 😦

    Dancin’: questo è passato! (per la cavia… beh, fai pure!)

    Mi piace

  5. 30 maggio 2009 4:32 am

    ma quanto e’ grande l’ego di quell’uomo?

    Mi piace

  6. 30 maggio 2009 9:47 am

    Gao: smisurato… patologico.

    Mi piace

  7. 30 maggio 2009 1:28 pm

    Allora…libero è libero (appunto) di dire tutte le cazzate che vuole…però…cazzo! siamo toscani…non caga…ma caha…cvibbio!

    Per finire…se dovessero succedere tutte le cosette che dici in fondo al post…a me mica dispiacerebbe!

    Mi piace

  8. 30 maggio 2009 2:20 pm

    Angelo: esatto! Per il finale: beh, beh, beh….

    Mi piace

  9. 30 maggio 2009 4:45 pm

    Pensa quando queste c**** le leggono gli stranieri…che idea si fanno 😦
    Buon WE!

    Mi piace

  10. 30 maggio 2009 5:08 pm

    Dedy: ho ben presente… Purtroppo! Buon WE anche a te.

    Mi piace

  11. angelina66 permalink
    31 maggio 2009 9:14 am

    Ciao, effettivamente mi sembrava un po’ surreale… Ho pensato che fossi un po’ strano ;-).. quando ho letto che si trattava di Libero ho capito che quadrava con il loro stile. Che all’estero non lo cachino neanche i piccioni e’ diventato evidente. Mi domando come ficcarlo nella zuccaccia dei nostri connazionali, fedeli eterni amanti del suddetto (e no, non mi riferisco al veliname).

    Mi piace

  12. 31 maggio 2009 12:32 pm

    Angelina66: il problema degli italiani è che la stragrande maggioranza è provinciale che più provinciale non si può. Sono esterofili a parole (vedi lo scimmiottamento acritico delle mode d’oltreoceano) ma poi “come si mangia in Italia non si mangia da nessun’altra parte, e poi vuoi mettere la cucina di mammà!”, “l’Italia è il più bel posto della terra” e quando vanno all’estero in vacanza cercano il villaggio italiano con cucina italiana e guida italiana perchè “io no spik inglish uery uell”.

    In altre parole le mosche bianche siamo noi che viviamo o abbiamo vissuto all’estero, lavoriamo in contesti multi-linguistici e multi-culturali e leggiamo anche la stampa estera perchè ci siamo fatti il culo ad imparare qualcosa d’altro in aggiunta ai congiuntivi italiani ed al dialetto locale.

    Noi abbiamo gli occhi per vedere, gli altri si affidano a quello che gli racconta il TG1 e Studio Aperto…

    Mi piace

  13. 31 maggio 2009 12:47 pm

    E il TG4…dove lo mettiamo?

    P.S.
    Astenersi Wolgavy.

    Mi piace

  14. 31 maggio 2009 12:58 pm

    Angelo: peccato… l’unica risposta che mi era venuta in mente è parecchio volgare… Quindi mi astengo.

    Mi piace

  15. 1 giugno 2009 5:57 pm

    o mama Alex… non posso piu’ ridere cosi’ forte, perche letteralmente mi piscio addosso!! Ma cos’era, un articolo di giornale o la trama dell’ultimo libro di Dan Brown? Quand’e’ che arriva Robert Langdon?
    ogesugiuseppemaria… non c’hanno proprio piu’ niente cui aggrapparsi, vero?

    Patetici, solo patetici… io credo, e mi sbagliero’ anche, che berlusconi sia importante per Obama (considerati i problemi e gli stronzi con cui ha gia’ a che fare qui in patria) quanto un brufolo sulla chiappa destra (o sinistra…)

    Mi piace

  16. 1 giugno 2009 7:44 pm

    Moky: secondo me meno del brufolo sulla chiappa; di quello almeno si ricorda tutte le volte che si siede. Mi sbaglierò ma se gli suonasse il telefono nello studio ovale e dall’altra parte del telefono qualcuno dicesse “dear mr. Obama, I’m Silvio Berlusconi! How are you?” lui gli risponde: “no solicitors, please!” ed attacca!

    Mi piace

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: