Skip to content

In attesa della smentita

24 febbraio 2009

Il Ministero dell’Interno ha diffuso a Roma, in occasione di un convegno sulla violenza sessuale, alcuni dati statistici relativi alla nazionalità degli stupratori; la riporto in attesa dell’inevitabile smentita che il ministero dovrà fare, su diretto ordine del nanopelato, per uniformarsi al pensiero unico dominante:

Gli autori delle violenze sessuali sono italiani in più di sei casi su dieci. E’ il dato rilasciato dal Viminale durante un convegno dedicato alla violenza sulle donne, che si è tenuto oggi a Roma. Il ministero dell’Interno ha reso noto che gli autori di stupro sono di nazionalità italiana nel 60,9% casi. Solo il 7,8% dei violentatori, invece, è romeno, mentre il 6,3% è marocchino. Il ministero precisa poi che le vittime sono donne nella gran parte dei casi (85,3%). Nel 68,9% sono di nazionalità italiana.

Guarda caso però governo e media non fanno che strillare contro i cattivissimi romeni, che però, guarda caso alla prova dei fatti non sono allora più cattivi di altri.

Allora cari italiani, quando ve ne renderete conto che vi stanno prendendo bellamente per il culo?

Advertisements
17 commenti
  1. 24 febbraio 2009 3:42 pm

    Siamo “un po’” a chiedercelo…e ieri ho visto un cretino leghista che gridava cose irripetibili ad una verde folla di idioti pecoroni…non risparmiava nessuno, tantomeno “donne e bambini” nel suo incitamento all’odio. Ma l’arresto, finchè l’Italia è una, no?
    No,come al solito no.
    Che palle.

    Mi piace

  2. 24 febbraio 2009 6:29 pm

    Non ci sarà alcun’arresto anche perchè ormai l’Italia è proprietà loro e fanno quello che gli pare…

    Compreso il fregarsene delle leggi.

    Mi piace

  3. 24 febbraio 2009 6:43 pm

    Nella home di repubblica c’era… almeno stamattina.
    Ma Sensibilizzare, sensibilizzare… insistiamo!

    Mi piace

  4. 24 febbraio 2009 6:53 pm

    Alex ho seguito con grande interesse i tuoi ultimi post. Sei stato molto bravo catturare le incongruita’ del nostro paese.
    Il dato statistico mi lascia pero’ molto perplesso.
    Trovo sproporzionato il numero di reati compiuti da stranieri rispetto alla loro incidenza sul totale della popolazione. Che ne pensi?

    Mi piace

  5. Fabio r permalink
    24 febbraio 2009 7:01 pm

    prolegomeni per una nuova era del caudillo. nel 1930 ci fu altrove qcs do simile…

    Mi piace

  6. 24 febbraio 2009 7:41 pm

    Gao: l’ho notato anche io ma poi ho anche pensato che ci sono tantissimi fattori da considerare: il primo è che moltissimi dei reati di questo tipo si consumano tra le mura domestiche e non vengono mai denunciati. Il secondo è che è inutile negare che gli immigrati vivono per lo più in situazioni disagiate e degradate ed è quindi più probabile che siano coinvolti in attività criminali.
    È per questo che l’immigrazione i crimini commessi da immigrati si combatte combattono lottando contro lo sfruttamento, insistendo perchè queste persone siano trattate con dignità. Purtroppo fa’ molto comodo il mantenerli in situazione di precarietà e clandestinità; in questo modo sono manipolabili e ricattabilissimi.

    (nota: ho editato la risposta perchè leggendola ho notato che non si capiva quello che volevo dire)

    Mi piace

  7. 24 febbraio 2009 10:40 pm

    Mi chiedo se quel demente di giornalista che stamattina su mattino cinque se la prendeva coi romeni sia a conoscenza dei veri dati oppure che da brava puttana ripeta tutto quello che i suoi capi gli dicano…

    Mi piace

    • 24 febbraio 2009 10:45 pm

      A parte che l’appellativo “giornalista” mi sembra eccessivo, propendo nettamente per la seconda ipotesi.

      Mi piace

  8. valeria permalink
    25 febbraio 2009 7:58 am

    e’ proprio vero, la tutela della donna e’ la priorita’ di questo governo.

    Mi piace

  9. 25 febbraio 2009 3:50 pm

    Non servivano le statistiche a ricordarci che la maggioranza delgi stupri si compie nella rete delle conoscenze. La verità è che siano italiani siano romeni la sostanza non cambia: la donna continua ad essere considerata un oggetto e punto. Sia per i civilizzatissimi maschietti occidentali imboniti dal porno di internet sia per i pastori che scendono dalle lande desolate della Romania. C’è una recrudiscenza della violenza su donne e bambini abbastanza preoccupante. Invece di sbraitare slogan xenofobi i cari leghisti dovrebbero preoccuparsi del gran numero di padani che sverna nei paradisi pedofili…..

    Mi piace

  10. 25 febbraio 2009 4:12 pm

    Francesca: da questo governo, guidato da un figuro che ha fatto della battuta pecoreccia uno dei suoi cavalli di battaglia, non mi aspetto niente di diverso.
    Ricordi la famosa risposta: “sposati un milionario”?

    Mi piace

  11. 2 marzo 2009 6:36 pm

    I dati vanno letti correttamente.
    In risposta al tuo articolo, quanto ho scritto giorni fa in merito, accessibile al link sottostante.

    http://pillolavelenosa.wordpress.com/2009/02/25/la-statistica-non-e-unopinione3/

    Mi piace

    • 2 marzo 2009 8:03 pm

      A parte che i dati aggiuntivi diffusi dal ministero sembrano proprio essere la “smentita” che aspettavo.
      Ma hai letto cosa ho risposto a Gao qui sopra?

      Inoltre sbaglierò ma ho la sensazione che a molti faccia comodo scaricare sugli immigrati tutti i mali di questo paese.

      Mi piace

      • 2 marzo 2009 10:15 pm

        Non avevo letto i commenti.

        Al di là di questo, è un fatto che gli stranieri si macchino di violenza sessuale in misura molto maggiore rispetto agli Italiani.
        È un’evidenza triste, ma rimane un’evidenza.

        Credo, come tu sostieni, che il degrado sociale sia la causa principale di crimini tali; bisogna tuttavia prestare grande attenzione quando si esprimono considerazioni: il rischio è quello di cadere risucchiati da un’ideologia.

        Saluti.

        Mi piace

      • 3 marzo 2009 12:09 am

        Facens: Prima di tutto vorrei chiarire che per me chi commette un crimine non ha nazionalità. La punizione dovrebbe essere la stessa.
        Hai ragione, occorre fare attenzione ai numeri. Ascoltando in questi giorni le sirene del governo, pare che in italia gli stupri siano commessi esclusivamente da romeni.
        Bisogna tenere conto che le statistiche stimano intorno all’1% la percentuale delle violenze domestiche denunciate in Italia. Se avvengono in famiglia, capirai che di queste violenze la stragrande maggioranza sarà composta da Italiani.
        Inoltre mi piacerebbe pensare che sebbene il 10% di stupri siano moltissimi, ci si occupasse anche o forse in primo luogo del 60% commesso dai nostri connazionali (secondo la vecchia e collaudata tecnica del diagramma di Pareto).

        Mi piace

  12. 3 marzo 2009 6:11 pm

    Concordo con Ali che ha commentato, da qualche parte qui (penso su un altro post), che il tuo blog e’, almeno per me, piu’ valido di un giornale (o di Rai International…)…
    GRAZIE!!

    Mi piace

    • 3 marzo 2009 7:30 pm

      Per fare meglio di RAIeduchescional channel ci vuol poco… 😦

      Mi piace

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: