Skip to content

Il mistero del trolley

31 luglio 2008

Proprio come Lucia anche io in queste sonnacchiose e già calde mattine estive mi sono imbattuto in un  piccolo mistero.

Tutte le mattine per andare in ufficio faccio la stessa strada da un sacco di tempo. La faccio da talmente tanto tempo ed in modo talmente abitudinario che certe volte penso che la macchina l’abbia imparata e potrebbe farla da sola.

Ovvio che percorrendo il solito tratto di strada sempre alla solita ora si incroci sempre la solita gente: il signore anziano senza un braccio, con la manica superflua della giacca o della camicia infilata nella cintura ed il sacchetto con il pane nell’altra, la ragazza con la faccia da seppia e le scarpe dalla punta tonda seduta alla fermata della LAM, il manager in giacca e cravatta in bici con la borsa legata con lo spago al portapacchi, il pretone vestito in jeans e maglietta sul suo scooterone, contromano e senza casco.

In queste mattine però si è aggiunto un personaggio nuovo ed insolito: ad una fermata dei bus extraurbani vedo da quando son tornato dalla Francia un ragazza alta, bionda, ben vestita con un trolley rosso, di quelli “da cabina”.

Stamani l’ho vista li per la quarta volta consecutiva, vestita in modo diverso (oggi con vestitino bianco e scarpe rosse con il tacco alto) ma sempre con il fedele trolley accanto.

Ma dove andrà tutte le mattine con la valigia dietro? Ammetto di non avere tanta fantasia ed al contrario di essere molto pratico e forse cinico: le hanno forse cancellato il volo tre giorni di fila? Sta tentando di partire con qualche offerta last minute?

Chissà se sarà li anche domattina… Quasi quasi le chiedo se ha bisogno di un passaggio…

Advertisements
29 commenti
  1. LaVale permalink
    31 luglio 2008 10:03 am

    attendo di sapere se ci sarà anche domani !! BUONGIORNO !

    Mi piace

  2. 31 luglio 2008 10:08 am

    Buongiorno anche a te Vale!

    Mi piace

  3. 31 luglio 2008 11:02 am

    Ma non era il titolo di un film? “Ragazza alta bionda alla fermata del bus”…!!!

    Nelson chiede un’aiutino: la LAM dove porta?

    Mi piace

  4. 31 luglio 2008 11:11 am

    Nelson: ma davvero c’è un film con questo titolo? o_O
    Le LAM sono le linee urbane “ad alta mobilità”, bus ogni 7 minuti da e verso il centro partendo da parcheggi scambiatori in periferia… Una bella invenzione!

    Mi piace

  5. 31 luglio 2008 11:15 am

    adblues, a me viene in mente una squillo di alto bordo … non so.

    Mi piace

  6. 31 luglio 2008 1:16 pm

    No… è che mi ricordava Pomodori verdi fritti alla fermata del treno!!!

    Quindi la soggettA da 2 mattine dalla periferia va verso il centro con un trolley rosso. Può essere un’estetista a domicilio o una rappresentante di cosmetici, oppure una killera che smaltisce pezzi delle sue vittime spargendoli per la citta. Ammenochè faccia la lap dance in un locale di periferia, e la mattina torna a casa in centro.
    O magari sono io…

    Mi piace

  7. 31 luglio 2008 1:26 pm

    Ma magari son 4 giorni che sta aspettando proprio che tu le parli?? ^__^

    W l’ottimismo!

    scusa, è carina? fermati e chiedigli come mai ha sempre il trolley dietro!! 🙂

    Mi piace

  8. 31 luglio 2008 2:51 pm

    Dancin’: e poi sarebbero gli uomini che fanno pensieri morbosi, eh? 😉

    Nelson: cosa ci fai da queste parti? 😉
    Comunque per puntualizzare (lo sai sono un precisino-pignolino!) la soggettA è da 3 mattine che è alla fermata dei bus che vanno verso fuori città.
    Cavolo, alla killera non ci avevo pensato… Brrrrr!!! 🙂

    Giorgiorgio: non è certo il tipo che da queste parti si definisce “una gran pa…..na” e comunque, nonostante abbia il finestrino rotto da quella parte (se si abbassa non torna più su!) come leggi nel post, ci ho fatto davvero un pensierino a fermarmi e chiederle se ha bisogno di qualcosa!

    Mi piace

  9. 31 luglio 2008 4:04 pm

    sei sicuro che esista e che non si tratti di un orogramma? oppure di visioni da calo di zuccheri?
    😉

    Mi piace

  10. 31 luglio 2008 4:15 pm

    Ali: sicuramente non è un calo di zuccheri visto che a quell’ora ho appena fatto colazione…
    Un ologramma? Non saprei, domattina se c’è ancora, le toccherò il sedere, se mi arriverà un doloroso ceffone vorrà dire che è reale! Se invece mi risponde “precisare la natura dell’emergenza medica”* invece vorrà dire che è un ologramma.
    Che ne dici di questo piano? 😉

    * ed anche questa la capiranno in pochi!

    Mi piace

  11. Spicke permalink
    31 luglio 2008 6:03 pm

    Beh… se e’ un MOE e’ decisamente meglio del modello standard…

    Ciao

    Mi piace

  12. 31 luglio 2008 6:05 pm

    toccattina delle chiappe? la accendiamo (non me ne abbia la dolce metà)
    se invece la signora con il trolley rosso ci sta e lo stava facendo apposta? un anomalo tentativo di baccaglio?
    nel caso fosse un orogramma saresti un codice rosso.!!!

    Mi piace

  13. 31 luglio 2008 7:06 pm

    Offrile un passaggio, probabilmente non accettera’ perche’ non ti conosce, ma almeno attacchi bottone…e ci levi delle curiosita’:))

    Mi piace

  14. 31 luglio 2008 11:01 pm

    qui e’ normale vedere gente con una sorta di bagaglio a mano. Nelle universita’ e negli uffici ce n’e’ in notevole quantita’, e chi le porta ha dai 20 ai 70 anni.

    Mi piace

  15. 1 agosto 2008 8:31 am

    Che delusione, stamani non c’era! 😦

    Comunque per Valeria: conosco quelle specie di valige con le ruote che io chiamo “48ore” perchè son il doppio delle 24 😉 ma quella della misteriosa sconosciuta era proprio un trolley da viaggio…

    Comunque il mistero rimane!

    Mi piace

  16. 1 agosto 2008 9:31 am

    Passerà la notte da un amante…
    a certe donne anche per stare fuori 6 ore serve un trolley

    Mi piace

  17. 1 agosto 2008 10:27 am

    Peperita: 😀
    Grandioso! Non ci avevo proprio pensato!

    Mi piace

  18. LaVale permalink
    1 agosto 2008 4:25 pm

    uhm .. ho letto che questa mattina non c’era .. peccato , mi figuravo già il “nuovo” libro di fabio volo su questo tema !

    Mi piace

  19. 1 agosto 2008 4:38 pm

    Vale: Miiii cheppalle l’alpenliebe con le gambe! 😉

    Se la condanna avesse dovuto essere questa, son contento che sia sparita nel niente!

    Mi piace

  20. 1 agosto 2008 7:38 pm

    Peperita e’ meravigliosa! Conoscitrice dell’animo femminile (e del numero di paia di scarpe che una donna si deve portar dietro, anche ad appuntamenti galanti!)

    Mi piace

  21. burberry permalink
    2 agosto 2008 5:18 pm

    Vedo che il “rosso” va per la maggiore nei tuoi gusti reconditi!!! Già l’altra tipa al ristorante aveva i sandali rossi con tacchi alti!! Mah!!
    Desiderio di passione?? Manie omicide?? Voglia di sangue???

    Mi ricorda molto la tipa bionda vestita di rosso in Matrix! Hai presente?

    Mi piace

  22. burberry permalink
    2 agosto 2008 5:19 pm

    Cmq, sempre meglio questa che il poveretto senza un braccio o la tipa con la faccia da seppia!!! :mrgreen:

    Mi piace

  23. 2 agosto 2008 6:31 pm

    Burberry: sarà forse la moda? 😉

    Mi piace

  24. burberry permalink
    2 agosto 2008 6:42 pm

    Sarà!

    Mi piace

  25. burberry permalink
    2 agosto 2008 6:43 pm

    Ma non va di moda il bianco??? 😆

    Mi piace

  26. 2 agosto 2008 6:54 pm

    Burberry: mah, non sono molto ferrato sulla moda (neppure quella maschile!) deduco quello che va di moda guardandomi intorno ed almeno da queste parti il rosso ed il giallo (insieme anche al bianco però) la fanno da padrone nelle calzature femminili!

    Mi piace

  27. 6 agosto 2008 1:04 pm

    E quindi? com’è finita sta storia? l’hai vista ancora????

    Mi piace

  28. 6 agosto 2008 1:24 pm

    Macchè! Sparita, volatilizzata!
    L’avrò mica sognata? E se fosse stata un’allucinazione dovuta al caldo? 😦

    😉

    Mi piace

  29. 7 agosto 2008 10:03 am

    vada per l’allucinazione!
    😀

    Mi piace

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: