Skip to content

Lo specchio dell’umanità

15 aprile 2008

I post dell’amica emmequadro mi hanno fatto venire voglia di raccontare questa storia che quindi è dedicata a lei.

Pranzando allo stesso ristorante praticamente quasi tutti i giorni da ormai 5 anni, ho avuto modo di inquadrare gli abituèe del posto e farmene un idea. Non avete idea di che tipi strani si vedono in giro da queste parti. Nemmeno in USA potete trovare tanta varietà!

Missitalia arriva sempre seguita da zerbino, che pulisce con la saliva dove lei passa. Entra nel locale camminando a petto infuori ed ovviamente crede di essere una gran figa. Non è un rospo ma nemmeno degna di menzione speciale; se poi aggiungiamo che si veste con il gusto di mia nonna e ha il grand canyon in viso… Zerbino le porta i piatti, le sistema le posate e le versa l’acqua. Da come lei lo guarda con disprezzo si capisce che non gliela darà mai.

Machoman ha almeno quattro auto diverse, tutte di grossa cilindrata, che usa a rotazione. Capello lungo e tinto. Veste sempre con camice larghe di gran marca che porta sbottonate fino a metà petto. Anellone d’oro al mignolo e catenone. Quasi sempre in compagnia di sbarbine giovani che gli fanno gli occhioni dolci e che lui tratta come deficienti (e probabilmente lo saranno). Una volta ha attaccato bottone con un mio collega lamentandosi di avere preso una multa per eccesso di velocità sull’autostrada; “ma io ho una macchina da 200 cavalli, non c’è verso di andare a solo 130 all’ora!”. Meno male non ero presente, gli avrei volentieri sputato in entrambi gli occhi.

La pornodiva è una bella ragazza. In versione normale sarebbe come tante altre ragazze, veste in jeans, maglione e scarpe da ginnastica. Ogni tanto però beve la pozione del dr. Jekyll e si trasforma. Arriva con scarpe vistosissime con tacchi di 12 centimetri e più, minigonna rasopassera, scolli vertiginosi che non lasciano niente all’immaginazione e trucco curato. Ammetto che le donne hanno nelle scarpe un’arma di seduzione micidiale; l’ONU dovrebbe regolamentarne l’uso. Con quella mìse la ragazza si trasforma nella pornodiva. Il modo come si muove, gli sguardi che lancia attorno tutto trasuda sesso all’ennesima potenza. Ma badate bene, non è affatto una donna di vita o cos’altro.

Neanderthal è il marito/compagno della pornodiva. Aria non troppo sveglia, alto quasi due metri (forse è il motivo per il quale la pornodiva porta i suoi tacchi 12+) sembra che la madre lo abbia fatto con un accetta da quanto è squadrato. Vestito sempre come un pellaio (come si dice da queste parti) ossia jeans sdruciti e maglietta, qualsiasi temperatura esterna ci sia, estate o inverno. Ciondolone d’oro al collo e orologio vistoso. Dulcis in fundo, quando la pornodiva esaurisce l’effetto della pozione i due amano portare lo stesso modello di scarpe da ginnastica. Che dolci!!!

Per adesso mi fermo qui…

Alle prossime puntate.

Advertisements
2 commenti
  1. 16 aprile 2008 5:04 pm

    Ehy … mi ha fatto ammazza’— qualche volta mi sento molto la Pornodiva: jeans maglietta… poi ho i miei momenti di vanità femminile che mi fanno spendere € 300 per un paio di tacchi 10 … forse semplicemente un camaleonte..

    Mi piace

  2. 16 aprile 2008 6:32 pm

    Dovresti vederle le scarpe preferite dalla pornodiva… 😉
    Felice di strapparti una risata in questi tempi tristi.
    Torna presto!
    —Alex

    Mi piace

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: