Skip to content

Fotopost – da qualche parte vicino ad Orione…

5 aprile 2015

Accanto ad Orione- 2015

FACEWALL

30 marzo 2015

Una frase nel post di Lucia, mi ha fatto venire voglia di parlare di un progetto che ha coinvolto la mia città nello scorso anno e che poche settimane fa ha segnato un evento importante: l’apertura di una mostra che arricchisce e forse completa degnamente il percorso.

Il progetto, creato dall’Associazione Compost e realizzato dalla bravissima fotografa Ilaria Costanzo, è spiegato nel sito omonimo e, per farvela breve, racconta in 100 fotografie le storie di altrettante coppie cittadine di etnie diverse che nella realtà fanno qualcosa insieme.

Storie di crescita, di istruzione, di incontri, di lavoro, di creatività, di legami e di futuro.

Un futuro che sarà, ne sono convinto, fantastico se solo sapremo superare diffidenze reciproche e stereotipi; se ci apriremo veramente gli uni agli altri.

Ed anche se non sarà fantastico, sarà lo stesso IL futuro, perché è inevitabile, ci siamo già dentro e non lo potremo evitare, nonostante le cornacchie che berciano slogan improbabili parlando di cancellate e muri, di “tutti a casa” ed altre stronzate simili.

Sarà difficile e forse lungo, richiederà l’impegno di tutti ma ci arriveremo.

      

Fotopost – Una domenica al mare

24 marzo 2015

Marina di Pietrasanta - 2015

Marina di Pietrasanta - 2015

lotto marzo

8 marzo 2015

AD Blues:

Visto che lo ha già scritto lei che è più breava di me…
In ogni modo auguri, biNbe!

Originally posted on letteredalucca:

dedico questo mio otto marzo a tutte le donne che stasera vanno in discoteca e domani rigovernano i piatti.

a quelle che “si mette la minigonna e poi si lamenta se uno le salta addosso”.

alle santanché, alle minetti, alle donne come loro.

dedico questo mio otto marzo a quelle che pensano che le figlie non occorre che studino, purché siano carine.

alle binetti, alle bigotte e perpetue di ogni religione.

a tutte loro dedico il mio otto marzo, ché sono anche loro, insieme a tanti uomini, che oggi si riempiranno la bocca di trite banalità come “e allora la festa dell’uomo?” che dimostrano la necessità di lottare ancora, ogni otto marzo e tutti i giorni a seguire fino al successivo.

View original

Fotopost: L’anno della capra, bbbbbeeeeehhhhhh!!!!

1 marzo 2015

Prato - anno della capra

Prato - anno della capra

Prato - anno della capra

Prato - anno della capra

Prato - anno della capra

Prato - anno della capra

Tanto non funziona… :'(

22 febbraio 2015
tags: , ,

Ne avessi mai presa una per la gola ;)

IMG_3937

Caro ex-contatto di Twitter

21 febbraio 2015

Questa è interessante.
Seguivo su Twitter una mia concittadina.
La seguivo (notare il passato) perché postava status interessanti, soprattutto su di un tema, quello dell’innovazione e dello sviluppo della mia città al di fuori dei canoni tradizionali. Un tema che mi sta molto a cuore.

Mi sembrava una persona giovane, dalla mente aperta e brillante, piacevole.

Oggi ha postato uno status del genere:

Fuori piove, questo è il primo weekend non lavorativo dopo un po': come passarlo al meglio? Agopuntura! Yeeeeeeeee!

Le ho riposto testualmente con “come spendere soldi inutilmente :(“.

Riconosco che la risposta è stata un po’ brusca è che avrei potuto formulare la risposta in modo più blando, tipo “conosco modi migliori per passare una giornata uggiosa come questa”. Ma ho scritto quello che ho scritto e francamente non me ne pento.

La risposta è stata: “dipende dai punti di vista”‘ il che può essere vero se l’agopuntore fosse un figone muscolosissimo (per lei) o nel mio caso fosse Olivia Wilde.

Invece ho risposto “la scienza non è un’opinione“.

Vi lascio immaginare come è finita; il mio contatto stizzito ha risposto che è “stufa che persone che non conosce esprima tutte le volte pareri e critiche su ciò che fa” e che Twitter funziona anche così (così come, scusa?).

A parte il fatto che se uno posta uno status del genere pubblicamente su Twitter si espone esattamente a questo tipo di interazioni, ho chiuso la conversazione facendole notare che forse “si è troppo sensibili alle affermazioni che mettono in discussione le proprie convinzioni personali“.

Eh sì, caro ex contatto di Twitter, la lingua batte dove il dente duole.
Se non si vogliono critiche forse:
1) non si sbandiera a quattro venti tutto quello che ci viene in mente, compreso: “credo ai folletti” e cose simili
2) siamo pronti a difendere le proprie idee, comprese le stronzate anti scientifiche, invece di battere stizzite in ritirata.

Quello però che mi dispiace di più è che sembrava una persona colta e razionale.

Ciao, ciao.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 178 follower